Oltre i confini

… perché la solidarietà diventi concretezza

La nostra storia

Come è nata la nostra Associazione “Oltre i confini onlus

Il piccolo seme da cui è sbocciata questa nostra associazione parte da lontano… Più di trenta anni fa, precisamente nell’estate del 1982, quando ancora ero a Beinasco nella chiesa di Borgo Melano.. Alcuni miei amici, con cui avevo condiviso anni di seminario e di servizio pastorale a Saluzzo, erano partiti come missionari “Fidei donum” per il Brasile e per l’Africa… Avevo mantenuto contatti epistolari con loro e poi li rivedevo entusiasti nei loro periodi di riposo in Italia.. e ricevevo da loro calorosi inviti ad andare a fare loro visita per conoscere quelle realtà così diverse, soprattutto allora, dalle nostre.

E nell’estate del 1983 in un convegno della “Pro civitate cristiana” di Assisi conobbi due professoresse, una di Asti e l’altra di Ponzone e parlai di questo mio sogno…  Il mio entusiasmo le contagia subito e decidiamo di concretizzare il sogno.. che diventa realtà l’anno seguente.. Un mese nel grande paese sudamericano: Rio, Foz de Iguaçù, Brasilia, e poi l’Amazzonia con Manaus, Belem, s. Luis ed il Nord-est con Teresina, Fortaleza, Recife, Salvador e ultima settima ancora a Rio.…

Visita a tanti amici missionari, incontri con vescovi e tante comunità, che ci hanno accolti, ospitati, accompagnati a vedere non solo le grandi bellezze del paese ma la realtà concreta della gente, girando nelle favelas, nei lebbrosari, nelle piantagioni di canna da zucchero, nei mercati, condividendo i loro incontri e le loro fatiche e le loro interminabili feste.. parlando a lungo con vescovi, preti missionari italiani e brasiliani, suore, persone impegnate nel sociale soprattutto a favore dei “meninos de rua”, i ragazzi e ragazze di strada…

Un’esperienza forte e che mi ha segnato tanto dentro…e che non mi ha più lasciato tranquillo. E di lì è nato il desiderio di fare qualcosa per questa gente, soprattutto per i piccoli, per le persone più fragili e in pericolo.  Ed è partita l’iniziativa, allora molto diffusa, delle adozioni a distanza a Palmares, Joaquin Nabuco, Barreiros, Pesqueira, e l’appoggio al “Movimento Meninos e meninas de rua di Teresina” nel Piauì.….  Centinaia di bambini adottati da persone dal cuore grande e generoso, aiutati  innanzi tutto a vivere e poi ad avere istruzione e un ruolo nella società…

E da quell’estate del 1983 è iniziato il mio “pellegrinare” continuo in Brasile, raggiungendo quest’anno il trentunesimo volo… Ed è iniziata anche l’accoglienza  a tanti amici del Brasile, preti e laici, che sono venuti a farci visita e a dichiarare la loro gratitudine per quanto fatto ed operato a favore della loro gente.

All’inizio tutto questo operare lo si faceva così con molta semplicità… Poi si è pensato che fosse giusto costituirci in Associazione, legalmente riconosciuta, con tutti i carismi di legge, gli obblighi e le agevolazioni. Nasce così l’Associazione “Oltre i confini” che diventerà poi onlus nel 2003 con sede a Grugliasco presso la parrocchia s. Francesco, dove ero stato designato come parroco nel 1992.

E il nostro sguardo sul mondo si è allargato.. Oltre al Brasile abbiamo adottato i progetti della grugliaschese Laura Pierino, partita volontaria in Mozambico, e che sta dando tutta la sua vita, la sua creatività e dedizione ai più poveri, tanto da essere ormai conosciuta, anche se lei rifiuta questo titolo, come “Laura dei miracoli”… Sono migliaia  le persone che ha soccorso, rimesso in piedi: dai bimbi abbandonati e malati, ai lebbrosi, agli anziani soli ed infermi, alle donne di strada…  Personalmente ho potuto vedere l’opera immensa che ha creato e soprattutto lo spirito di dedizione totale alla gente più misera e scartata con un visita in Mozambico nel 2012. E tutto è fatto con semplicità e amore davvero esemplari.

E ci siamo aperti anche all’aiuto in Kenya dove un membro dell’associazione ha lavorato per diversi anni nell’ospedale di Wamba a favore delle persone più bisognose di cure e di attenzioni.

E un nostro intervento di aiuto c’è anche a favore di un istituto per anziani in una zona povera e bisognosa della Romania, appoggiando il lavoro delle suore di Mondovi.

E abbiamo in questi anni progettato e realizzato diverse costruzioni edilizie : il villaggio “Vila s. Francisco” a Palmares per i “favelados della discarica”, il grande asilo “Cresce Perfeita Alegria” per i bambini più poveri di Barreiros in Pernambuco (Brasile), che continuiamo a finanziare con il pagamento del personale e il mantenimento dei bambini (colazione, pranzo e merenda).

In questi anni il lavoro della nostra Associazione a favore delle persone più misere ha avuto alcuni riconoscimenti: l’assegnazione delle “GRU d’oro”  da parte del Comune di Grugliasco, un riconoscimento da parte della città di Palmares dove abbiamo costruito il villaggio e ripetuti encomi da parte del comune di Barreiros per l’opera dell’asilo.  E poi soprattutto la riconoscenza delle comunità e delle persone salvate dalla strada, dalla miseria, dalla droga e dalla delinquenza.

Particolarmente inaspettata e gradita la scelta della nostra associazione per un servizio televisivo della Rai. Una troupe della TV è venuta a Grugliasco una domenica mattina e in diretta ha trasmesso l’incontro con i membri dell’associazione e presentato i progetti realizzati, anche attraverso filmati ed interviste.. Il servizio è stato molto apprezzato, tanto che la Rai ha invitato don Marco, presidente della associazione, ad accompagnare una troupe di tre persone (giornalisti e cameramen) in Brasile per realizzare un ulteriore servizio. Il don è stato poi invitato a Roma negli studi di Rai1 a Saxa Rubra per una ulteriore intervista in diretta per illustrare quanto filmato nei vari centri in Brasile.

Il lavoro della Associazione continua anche in questi tempi di difficoltà e di crisi. Finora siamo riusciti, grazie alla generosità degli offerenti, anche con fatica a portare avanti i nostri progetti.

Siamo sempre disponibili a dare notizie e conto di quanto si fa e di aprirci a nuove iniziative.. sempre e solo finalizzare all’aiuto a chi sta peggio di noi.

E siamo enormemente grati a quanti in questi anni ci hanno dato fiducia e hanno dimostrato generosità e cuore grande nell’aiuto e nell’appoggio ai vari progetti… Senza di loro non avremmo potuto operare.. Un grazie di cuore da parte nostra e soprattutto da parte di chi ha goduto e gode delle realizzazioni operative.… E speriamo di trovare altre persone dal cuore grande e buono. Noi siamo sempre a disposizione per eventuali chiarimenti ed indicazioni.